COME SI VIVE IN COSTA DEL SOL? LEGGI QUI LE FAQ

 

COME SI VIVE IN COSTA DEL SOL? LEGGI QUI LE FAQ PIU’ RILEVANTI:

  1. QUAL E’ IL COSTO DELLA VITA ? Difficile dare una risposta esaustiva e valida per tutti, in generale per noi che proveniamo dal nord Italia vivere qui ha comportato un risparmio di circa il 30%, nonostante negli ultimi mesi il capitolo spesa relativo all’affitto di casa sia aumentato sensibilmente, ma è la legge del mercato. Il carrello della spesa è abbondante rispetto all’Italia a parità di costo, anche mangiare fuori costa decisamente poco, si può cenare tranquillamente con meno di 10 euro a persona nei locali giusti, il carburante auto si attesta intorno a 1,3 euro, non ci sono pedaggi autostradali e cambi gomme obbligatori, le utenze domestiche si limitano normalmente ad acqua e corrente elettrica, quindi l’assenza di gas da riscaldamento è un risparmio importante nel budget familiare, a patto di non abusare per contro con l’aria condizionata in estate; l’abbigliamento è spesso meno formale e quindi meno oneroso, i cambi di stagione  sono limitati e non vi è necessità di abitare in case con spazi esagerati, qui si vive gran parte dell’anno e del giorno fuori casa, il clima favorisce uno stile di vita più leggero e quindi meno oneroso; le assicurazioni costano meno che in Italia, il bollo auto può arrivare a costare meno di un quinto rispetto al Belpaese ed il costo della revisione dell’auto si riduce a poco più di 30 euro (eccetto quello relativo alla prima immatricolazione di veicolo italiano in Spagna); “dulcis in fundo” non esiste un canone televisivo. 
  2. COME FUNZIONANO LE TASSE ? La tassazione prevede per le persone fisiche una imposta progressiva “Irpf” come quella italiana, con percentuale massima leggermente più alta ma in concreto con un carico impositivo generalmente più basso a parità di reddito, non esistendo addizionali regionali e comunali di sorta e godendo di deduzioni corpose, soprattutto per i redditi più bassi; le società scontano un 25% di imposta fissa a regime; l’Iva è pari al 21% ed anche in Spagna esistono gli acconti d’imposta per evitare saldi troppo alti alla fine dell’anno; esiste il pagamento di una tassa comunale sulla casa (IBI) e uno scaglione d’imposta è dedicato alle plusvalenze patrimoniali. Più in generale la Spagna non è uno stato di polizia tributaria, c’è ancora un altissimo livello di sommerso ed i controlli non sono ai livelli dell’Italia; nonostante ciò si applicano normative di stampo europeo tra cui il monitoraggio nella circolazione del denaro e la comunicazione di patrimoni all’estero. Il tema fiscale è comunque sempre bene affrontarlo in maniera personalizzata e specifica, vi invitiamo a prendere un appuntamento nel nostro Studio per parlarne personalmente e fare una corretta pianificazione fiscale personale e/o d’impresa.
  3. E LE SCUOLE ? Vi sono istituti di ogni tipo, statali (bilingue e non) dove non si paga nulla fatta eccezione per i servizi a richiesta come mensa, trasporto e pre-scuola, istituti paritari e collegi privati internazionali, questi ultimi particolarmente presenti in Malaga e nella costa ovest. Vi sono anche scuole di matrice prettamente religiosa. I bambini vengono inseriti in funzione dell’anno di nascita, indipendentemente dall’ultimo corso frequentato in Italia; in Andalusia non esiste l’obbligo dei compiti a casa, l’orario per le scuole elementari è dalle 9 alle 14 dal lunedì al venerdì.
  4. IL MERCATO DEL LAVORO E’ RICETTIVO? Il mercato del lavoro è la vera nota dolente dell’Andalusia, la disoccupazione è a livelli decisamente alti e quindi se si cerca una collocazione lavorativa è necessario armarsi di enorme pazienza, si deve essere già qui (non si trova nulla stando in Italia), è necessario presentarsi personalmente presso le aziende o le attività commerciali dove si cerca lavoro con un curriculum vitae adeguatamente redatto con fotografia (imprescindibile in Spagna!) ed in lingua spagnola. Ovviamente più esperienze e competenze si hanno maggiori sono le possibilità di trovare un lavoro ed emergere dalla massa delle persone non qualificate, che però hanno il vantaggio di essere spagnoli o di lingua spagnola. Determinante sarebbe la conoscenza fluida della lingua inglese, un “plus” che viene spesso premiato in questo territorio che notoriamente è una “colonia” britannica e pertanto gran parte dei datori di lavoro è anglofona. I settori dove maggiormente vi è possibilità di inserimento sono chiaramente quello turistico, soprattutto in cucina gli chef italiani sono spesso ricercati, ma anche camerieri o altre mansioni connesse con la somministrazione di alimenti e bevande o con servizi alberghieri; altro settore particolarmente sviluppato è quello tecnologico, legato all’informatica ed alla telecomunicazione, pertanto figure di cultura universitaria in tali materie possono provare ad inserirsi nel PTA, il parco tecnologico dell’Andalusia. Giova ricordare che in questo territorio mancano le manifatture, l’industria è poco presente quindi sconsigliamo a operai, magazzinieri o figure affini di cercare di inserirsi in questi settori, come pure alle classiche figure contabili-amministrative; un’area invece in continua crescita è quella immobiliare, vi sono moltissime agenzie sul territorio e ciò rappresenta un’opportunità per coloro che, soprattutto, parlano fluentemente inglese e/o lingue qui ricercate come olandese, francese, russo o lingue scandinave. Ultima debita precisazione: gli stipendi per le figure meno qualificate non sono alti, tutt’altro, quindi è bene non crearsi delle false aspettative; meglio optare per crearsi una posizione autonoma.  
  5. LA SANITA’ E’ VALIDA ? La sanità pubblica è di ottimo livello, le strutture sono capillari e l’accesso ai servizi medici ha dei tempi ragionevoli; data l’elevata presenza di persone di ogni etnia e nazionalità sono estremamente diffusi ospedali e cliniche private internazionali. La sanità pubblica è tendenzialmente gratuita, si pagano solo alcuni farmaci; il medico di famiglia non ha un suo studio privato ma riceve su appuntamento in ambulatori collocati nelle strutture apposite chiamate “centro de salud”, dove si presta anche assistenza di pronto soccorso.
  6. CHE LIVELLO DI SICUREZZA C’E’ ? La sicurezza qui è veramente a livelli alti, ci sono tre corpi di polizia: Policia Local, Policia Nacional e Guardia Civil, ciascuna con sue proprie funzioni, che pattugliano capillarmente il territorio di giorno e di notte, essendo una zona ad altissima vocazione turistica e dove l’entrata economica principale deriva proprio dal turismo. Ci sono numerosi posti di blocco e controlli volti a prevenire la guida in stato di ebrezza e traffici illeciti. Nel complesso si percepisce uno stato di sicurezza molto soddisfacente, non vi sono fenomeni immigratori che disturbano i cittadini residenti ed i bambini possono girare per la strada in tranquillità anche in ore serali. L’intervento della polizia è tempestivo e molto deciso, non vi sono comunque fenomeni di delinquenza degni di nota; le auto, le moto e i camper possono sostare all’aperto su strada senza particolari rischi.
  7. CHE TIPO DI CLIMA SI TROVA? Il clima è di tipo misto mediterraneo – subtropicale, caratteristica questa che a buon diritto ha inserito questa costa come una tra le 10 migliori zone dove vivere nel mondo. Le temperature in estate possono arrivare a 35 gradi o poco oltre, ma con un livello decisamente basso di umidità, quindi si tratta di un caldo secco. In inverno non scendono quasi mai al di sotto dei 6/7 gradi di notte, e durante il giorno si raggiungono punte anche sopra i 20 gradi, consentendo di poter pranzare tranquillamente all’aperto. 
  8. COME SONO GLI AFFITTI DELLE CASEGli affitti a partire dall’anno 2018 sono saliti in maniera repentina in quanto c’è eccesso di domanda per affitti di natura residenziale rispetto all’offerta. Al momento in cui scriviamo questo articolo la situazione è la seguente: nei comuni in linea di mare (escluso Malaga, che ha una sua realtà particolare) della costa ovest per affittare un monolocale si spende tra i 350 e i 450 euro al mese, un bilocale costa dai 500 ai 600 euro mentre un “piso”, quindi un appartamento dalle due camere da letto in su, si trova a partire da non meno di  650 euro fino ai 1000 euro, dipendendo dal numero di camere e dalla posizione, ovviamente. Se si opta per una soluzione più interna si può risparmiare qualcosa. Al di sopra dei 1000 euro si possono trovare attici, villette a schiera di ampia metratura fino a ville di lusso, il cui prezzo parte dai 1500 euro a salire. Ricordiamo che un grande vantaggio per gli inquilini qui in Costa del Sol consiste nel fatto che per locare un appartamento devono pagare il canone ed i soli costi delle utenze (normalmente acqua e corrente elettrica), mentre tutti i costi accessori come spese condominiali, piscina, manutenzione del verde ed anche manutenzione degli elettrodomestici (es. la caldaia) sono a carico del proprietario, compresa la imbiancatura delle pareti. ATTENZIONE: una delle difficoltà maggiori al momento in Costa del Sol è quella di trovare casa per “larga temporada” (quindi uso residenziale e non turistico), pertanto come diciamo sempre ai nostri clienti serve dotarsi di denaro liquido immediatamente disponibile anche per pagare un affitto anticipato che può andare dai 4-6 mesi fino ad un intero anno di affitto, essendo noi stranieri e non disponendo di alcuna garanzia o busta paga, ovviamente qualora si tratti di mettere il primo piede in Costa del Sol. Inoltre è quasi del tutto impossibile ottenere risposte o appuntamenti dall’Italia, è necessario essere qui sul posto per riservare una casa e/o affidarsi a persone che qui risiedono stabilmente. Alle mensilità per l’affitto della casa vanno aggiunti 1 mese per il deposito cauzionale (se non viene richiesto qualcosa in più) e 1 mese di costo per l’agenzia.
  9. MEGLIO AFFITTARE O COMPRARE CASASicuramente qui in Costa del Sol al momento è meglio comprare casa, visto che il settore immobiliare sta tornando a splendere, la domanda di case è più alta dell’offerta ed i prezzi di acquisto da diversi mesi ormai sono in lenta ma costante crescita, quindi questo è il momento giusto almeno per chi vuole fare investimenti redditizi nel mattone. Per coloro che vogliono trasferirsi qui a vivere noi consigliamo sempre di aspettare ad acquistare casa, meglio prima provare a vivere in affitto per comprendere meglio le zone e le tipologie di case, per come sono costruite ed orientate.
  10. I SERVIZI SONO EFFICIENTI? I servizi sia commerciali che di trasporto sono principalmente dislocati nella cintura di Malaga Ovest, quindi la zona che dal centro di Malaga va verso Marbella; c’è un comodo trenino urbano che dal centro di Malaga porta fino a Fuengirola (RENFE) fermando in tutti i comuni della costa, a Plaza Mayor (Outlet) e nel poligono commerciale, oltre che in Aeroporto. Questo tratto è il più servito della Costa del Sol, sia per i mezzi di trasporto (piuttosto efficienti) che per i grandi magazzini commerciali qui ubicati, da Ikea a Decathlon, da Leroy Merlin a Bauhaus, Conforama, Bricomart ecc… Malaga conta due linee metropolitane che servono il centro e la zona universitaria, incluso l’ospedale universitario, sempre e comunque nella zona ovest della città. Qui si trova anche la stazione centrale Maria Zambrano con i collegamenti ad alta velocità verso le città più grandi della Spagna. I taxi sono diffusi ovunque e vi è un’ampia rete di autobus urbani ed extraurbani. 
  11. I BAMBINI COME SI INSERISCONO? I bambini italiani non hanno alcun problema di inserimento nelle scuole locali in termini di lingua, nei primi due anni di elementari non esiste il supporto scolastico perché ritengono sia sufficiente quello genitoriale, dal terzo anno di elementari in poi se necessita vengono supportati da tutor interni all’istituto per facilitare l’apprendimento delle materie in lingua spagnola, questo è un servizio gratuito e generalizzato perché vi sono bambini di ogni nazionalità del mondo con culture e lingue differenti. L’inserimento a scuola può anche avvenire in corso d’anno in qualsiasi mese, senza alcun problema di sorta, perché vi è un obbligo legislativo che impone il loro inserimento scolastico fin da subito. In genere gli italiani non hanno alcun problema con la lingua che imparano nel giro di un trimestre, agevolati anche da eventuali attività sportive cui potranno essere iscritti una volta residenti, che sono a basso costo e si svolgono nei numerosi centri sportivi dislocati sul territorio, ove si possono imparare molteplici tipologie di sport. Inoltre vi è da segnalare la nutrita presenza di parchi a tema o semplicemente giardini pubblici e parchi comunali quasi tutti dotati di strutture di svago o attrezzature sportive, dove potranno divertirsi ad ogni ora del giorno e instaurare nuove relazioni sociali con altri bambini, senza preoccupazione alcuna; trattasi infatti di strutture funzionanti e ben tenute. In aggiunta si consideri che molti edifici dispongono di piscina condominiale, anche quelli un po più vetusti, con utilizzo regolamentato generalmente nel periodo maggio-ottobre, qualcuna aperta anche tutto l’anno, grande valvola di sfogo per i bambini.       
  12. LA LINGUA SI IMPARA FACILMENTE? Detto sopra che i bambini imparano molto rapidamente la lingua spagnola frequentando la scuola, i genitori in parte saranno obbligati ad apprenderla dovendo seguire i figli in maniera più intensa almeno nel primo trimestre della loro frequentazione scolastica; poi comunque non essendo una lingua particolarmente complessa avranno modo di apprenderla con relativa facilità, se vorranno anche grazie all’aiuto di corsi comunali di durata annuale e con costi molto accessibili, dai 70 ai 100 euro all’anno circa. 
  13. E’ FACILE APRIRE UNA ATTIVITA’Sicuramente è meno complesso che in Italia, e anche meno oneroso. Il diritto commerciale spagnolo è molto simile a quello italiano, quindi si possono aprire attività in forma di ditta individuale, società di persone o società di capitali, anche in forma semplificata (società a responsabilità limitata semplificata – SLNE in Spagna). E’ necessario disporre della documentazione personale spagnola per poter fare ciò, in primis del NIE (numero de identificación de extranjeros) che è una sorta di codice fiscale (cui segue la sua convalida all’Agenzia delle Entrate spagnola) e poi servono altri passaggi nei vari uffici locali. Come tempistiche per aprire una impresa individuale serve una settimana lavorativa, mentre per una società di capitali almeno un paio di settimane. Qui è molto semplice anche rilevare attività già esistenti, attuando il cosiddetto “traspaso” (che non è la cessione di una licenza, sia ben chiaro) o con altre forme giuridiche come la “cesión de negocio”, o de “fondo de comercio”, insomma ci sono varie possibilità formali tutte finalizzate al subentro o all’apertura di una attività autonoma
  14. LA BUROCRAZIA E’ COME IN ITALIA? La burocrazia relativa alla documentazione personale c’è ma è molto più semplice e rapida che in Italia, gli uffici e gli addetti ai lavori in questo senso sono piuttosto accomodanti, i tempi più lunghi sono relativi alle richieste di “licencia de obra”, cioè quelle necessarie a progetti di ristrutturazione di locali ed edifici, laddove invece non sia necessario effettuare una ristrutturazione complessa i tempi sono abbastanza snelli e si può cominciare a lavorare in breve tempo.
  15. CI SONO SOVVENZIONI PER CHI APRE UN’ATTIVITA’? Questa è una domanda che non manca mai e la risposta è sempre la stessa: non si pensi di venire in Costa del Sol (ma vale per qualsiasi trasferimento all’estero a nostro avviso) con un progetto d’impresa puntando sulla possibilità di ottenere da subito finanziamenti o risorse da banche o altri istituti locali, è una grossa e fuorviante illusione. Qui siamo stranieri, non abbiamo una storia creditizia, non abbiamo una busta paga, possiamo anche disporre di un cospicuo patrimonio in Italia o comunque fuori dalla Spagna ma alle banche non interessa perché non farebbero mai una esecuzione all’estero, quindi in buona sostanza o si trova un “avalista” spagnolo con cui fare impresa e che apporti le dovute garanzie per poter godere di finanziamenti, oppure bisogna contare solo sulle proprie disponibilità, per lo meno all’inizio. Una volta aperta l’attività dopo alcuni mesi in cui vi sono movimenti sul conto è già possibile avere accesso al credito, nel momento in cui si dimostra di essere qui residenti e di credere nel proprio progetto d’impresa. Inoltre è bene precisare che normalmente le sovvenzioni elargite dai vari enti pubblici sono mirate a sviluppare settori di per sé non ancora evoluti (es. il turismo rurale) e premiano nella gran parte dei casi la creazione di nuovi posti di lavoro e/o lo sviluppo di nuove tecnologie, e non stupisce in quanto Malaga è considerata la “città intelligente“.