Dicembre in Costa del Sol

Perché venire a dicembre in Costa del Sol? Se non si può godere di spiaggia e mare, cosa fare a dicembre in Costa del Sol? Magari vi siete chiesti in passato oppure recentemente, navigando in internet per scegliere la consueta meta invernale in montagna dove passare le vacanze natalizie, perché spendere soldi per una meta normalmente più ambita in primavera-estate?

Ebbene, la Costa del Sol nell’ultimo mese dell’anno offre veramente molto…e di più per trascorrere le vacanze “invernali” all’insegna della natura, del divertimento e della buona tavola, tutti ingredienti che noi italiani normalmente cerchiamo durante le feste dicembrine. Con 320 giorni di sole all’anno la costa malagueña rappresenta una meta ideale in qualsiasi periodo dell’anno, anche qualora si volesse rinunciare ai suoi 161 km di litorale costiero per addentrarsi nel suo territorio alla ricerca della neve. Ad appena un’ora di automobile si possono raggiungere montagne coperte di neve e paesaggi di rara bellezza. Il Parco naturale della “Sierra de Las Nieves” ad esempio nei mesi invernali si tinge di bianco e si può passeggiare tra i suoi spettacolari abeti per raggiungere gli antichi nevai, in un itinerario protetto che conduce fino al suo picco massimo, la Torrecilla. Se poi al ritorno si vuole optare per una tappa di puro relax, si può godere del Balneario de Tolox, un sito frequentato da artisti, politici e famosi toreri che risale al XIX secolo, dove vengono offerti trattamenti terapeutici con l’inalazione di vapore acqueo che favoriscono il sistema respiratorio e la pelle. La neve imbianca anche la Sierra de Tejeda, Almijara y Alhama, in Axarquía, dove tuttora esiste un antico sentiero percorso dai locali che trasportavano il ghiaccio dal picco della Maroma alla costa di Velez -Malaga, seppur non sia adatto agli inesperti vale la pena percorrerlo per godere di un intorno straordinario di montagna e natura. Ricordiamo che anche i più sportivi possono sempre e comunque godere dei tipici sport invernali, perché a solo un’ora e mezza di strada, nella provincia di Granada, si trova la famosa Sierra Nevada, già commentata in questo blog. 

Durante la visita all’interno della Costa del Sol è possibile apprezzare i gusti e le pietanze tipiche di queste terre. Allontanandosi infatti dalla costa il pesce fritto viene sostituito da carne, verdure e olio d’oliva, ingredienti tipici della cucina autoctona. Si possono degustare infatti “las sopas perotas”, “los huevos a lo bestia” o “las migas”, senza dimenticare i salumi artigianali dai sapori campestri della Serranía de Ronda.

Trascorso questo periodo di vacanza all’interno, tra paesaggi montagnosi e rurali, è arrivata l’ora di tornare sul litorale e nella capitale per apprezzare la Navidad malagueña e le sue proposte. Con circa 20 parchi divertimento la Costa del Sol rappresenta la maggior offerta di intrattenimento per bambini dell’intera Andalusia, se poi si considera che in questo periodo ciascun comune della provincia organizza manifestazioni ed eventi per celebrare il Natale, si può capire come ci sia solo l’imbarazzo della scelta. Gli spettacoli per bambini sono un classico qui in Costa del Sol nel periodo natalizio. Tra il Teatro Echegaray e il Teatro Alameda in Malaga si alternano classici e proposte originali, da  “Frankenstein, no soy un monstruo” alla “Historia de Navidad en Nunca Jamás”, ma i bimbi possono avvicinarsi alla musica al Museo Interattivo della Musica, uno degli spazi culturali preferiti dai più piccini, potendo venire a contatto con moltissimi strumenti musicali. Oppure possono giocare imparando alla “Muestra Infantil de Málaga (MIMA)” che trasforma il complesso fieristico di Malaga in un paradiso del divertimento nel periodo natalizio. Uno spazio dedicato allo svago dove i più piccoli imparano giocando e dando amplio sfogo alla loro immaginazione con più di 70 tipologie di attività ludiche, educative e sportive. Per chi dovesse invece scegliere l’Axarquía come meta da visitare, d’obbligo è la visita al “Museo de Juguetes Antiguos” di Alfarnate.

Ma i genitori, come possono godere del clima mite e primaverile del mese di dicembre in Costa del Sol? Ovviamente con il classico “tour” dei mercatini di Natale, immancabile nelle festività in Costa, che si sviluppano nelle vie e nelle piazze, con la possibilità di acquistare prodotti tipici, articoli di decorazione, pezzi di artigianato locale o semplicemente dolci tipici del periodo. Tra i più rinomati spicca il “mercadillo del Paseo del Parque” a Malaga. Sotto le spettacolari luci artistiche del centro storico della capitale offre articoli di bigiotteria e complementi di moda fatti a mano. Un altro mercatino natalizio dove poter incontrare i prodotti più caratteristici è quello di Estepona, che grazie anche alla sua felice ubicazione, a lato del parco di divertimenti per bambini in Avenida de San Lorenzo, rappresenta una meta obbligata per tutte le famiglie. Anche all’interno della provincia si possono godere di mercatini speciali per motivi differenti, da quello di Ronda che si sviluppa nell’incantevole scenario storico-monumentale intorno alla Plaza de Toros a quello di Alora, ove si possono assaggiare prodotti della gastronomia malagueña accompagnati da canti natalizi e sorprese per grandi e piccini.

E finalmente…dopo tanto “faticare”, si arriva alle due notti più attese dell’anno, la “Nochebuena”, quindi la notte della vigilia di Natale e la “Nochevieja”, con il cenone dell’ultimo giorno dell’anno. In entrambe le occasioni si può optare per una classica cena a base dei prodotti DOC di Malaga, negli eleganti locali e negli hotel della Costa, oppure si può scegliere di salutare l’anno vecchio in luoghi meno scontati, come club ippici o nautici molto glamour. Ma la tradizione vuole che si festeggi tutti insieme nelle piazze e per le strade, laddove si apre un mondo di opportunità. Se si vuole stare nella capitale, non può mancare la presenza in “Plaza de la Constitución”, il luogo più popolare dove compiere il tradizionale rito: mangiare i dodici chicchi d’uva, uno per ogni rintocco delle campane, in mezzo ad una folla festante composta da migliaia di persone. La festa prosegue poi nei locali del centro storico fino all’alba, quando si può dare il benvenuto al nuovo anno facendo colazione con la cioccolata con “churros”. Ma anche nelle località rurali dell’interno si possono apprezzare le tradizioni ed i costumi tipici con cui si festeggia l’arrivo del nuovo anno, su tutte a Coín, dove i classici abiti di gala e da ricevimento vengono sostituiti da costumi d’epoca, affascinanti per colori e fantasie….come fosse Carnevale…ma a dicembre…un mese che qui in Costa del Sol è sinonimo di calde feste popolari da godere in famiglia all’aria aperta.

Vi abbiamo convinti a passare qualche giorno di dicembre in Costa del Sol?

 

Fonte: “blog.visitacostadelsol.com

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *