CON L’ISCRIZIONE ALL’AIRE DECADE LA RESIDENZA FISCALE IN ITALIA

Con l’iscrizione all’AIRE decade la residenza fiscale in Italia: questo concetto è importante da capire per i molti nostri connazionali che vivono e risiedono stabilmente all’estero, quindi anche qui in Spagna. Nelle nostre sessioni di consulenza in ufficio ci troviamo spesso a discutere di questa tematica con i nostri clienti che sembra sempre poco chiara o comunque sottovalutata dai più. Il concetto è molto semplice e già ne parlammo in un precedente articolo: solo iscrivendosi all’AIRE, albo degli italiani residenti all’estero, è possibile tagliare i ponti fiscali con l’Italia, quantomeno per i redditi prodotti al di fuori del Belpaese, che altrimenti devono essere dichiarati in apposita dichiarazione dei redditi italiana, nonostante la dimora abituale sia in Spagna. Recentemente anche il Com.It.Es di Madrid ha diffuso una nota per gli italiani residenti in Spagna con cui ribadisce chiaramente, rifacendosi ad una recente sentenza della Cassazione, come la residenza anagrafica in un comune italiano costituisca presunzione assoluta (quindi senza ammissione di prova contraria) di residenza fiscale in Italia, e solo con la sua cancellazione (che avviene iscrivendosi all’AIRE) si può evitare di soggiacere alla normativa fiscale italiana per i redditi prodotti in Spagna. Ovviamente anche la tardiva iscrizione all’albo dei residenti all’estero ha degli effetti, poiché se si resta iscritti all’anagrafe italiana per la maggior parte del periodo d’imposta (oltre i 183 giorni nell’anno solare) si viene considerati fiscalmente residenti ancora in Italia e quindi soggetti passivi d’imposta in Italia. Ciò comporta l’obbligo di inserire nella dichiarazione dei redditi italiana anche i redditi prodotti in Spagna e se non si rispetta tale obbligo si viene sottoposti a doppia imposizione fiscale ma senza potersi detrarre le imposte pagate all’estero. Suggeriamo inoltre a tutti coloro che sono in procinto di trasferirsi in Costa del Sol di fare una pianificazione fiscale preventiva qualora abbiano intenzione di vendere propri immobili situati in Italia, per non avere sorprese una volta che siano residenti fiscalmente in Spagna.